fbpx

Magnum X Dante: quando la letteratura incontra il gusto

La nota marca di gelati Magnum ha preparato tre edizioni speciali di gelati in onore dell’anno dedicato a Dante: per i mesi di marzo e aprile il primo ad essere in commercio è lo stecco Inferno e StorieParallele lo ha assaggiato per voi!

Le tre edizioni speciali Magnum x Dante

La Magnum ha deciso di partecipare alle celebrazioni per l’anno dantesco 2021, creando tre tipologie speciali di gelato (nella notissima forma di stecco) create ad hoc per ogni cantica della Commedia: Inferno, Purgatorio e Paradiso.

I tre gelati speciali usciranno in ordine: prima l’Inferno, nei mesi di marzo e aprile, poi il Purgatorio, a maggio e giugno, e infine il Paradiso disponibile a luglio e agosto. Non sono ancora state divulgate notizie riguardo ai gusti degli stecchi Purgatorio e Paradiso, mentre l’edizione Inferno è già disponibile in molti supermercati italiani, oppure online sul sito ufficiale.

magnum dante
Inferno, Purgatorio e Paradiso: le Limited Edition di Magnum X Dante ©

Il gusto Inferno

In onore del Sommo Poeta e della sua opera, Magnum ha cercato di riproporre un gelato che ricordasse l’ambiente infernale, in primis con l’uso dei colori, tanto sulla confezione quando del gelato stesso. La scatola, infatti, si presenta con uno sfondo nero, sul quale primeggia il colore rosso fuoco di un disegno a venature marmorizzate e della scritta Inferno al centro.

Lo stesso gelato, inoltre, una volta scartata la confezione, all’esterno appare di colore scuro, dalla texture non uniforme mentre l’interno, dopo aver morso il cioccolato, rivela un colore grigio scuro. Per creare questo gelato così particolare, Magnum non ha di certo fatto una scelta banale: l’esterno è cioccolato fondente mischiato a granelli di caramello salato, mentre l’interno è fatto con un gelato al carbone vegetale e venature di composta di lamponi.

magnum dante
Lo stecco Inferno – Magnum X Dante ©

Il richiamo a Dante

Questa limited edition così particolare, dichiara il gusto al consumatore già con la scritta sulla confezione del gelato, la quale riprende le note terzine del V canto dell’Inferno pronunciate dalla coppia di amanti Paolo e Francesca.

Per la precisione, è Francesca a parlare: siamo nel canto dedicato ai Lussuriosi, abbiamo appena passato le porte infernali e il giudizio di Minosse e Dante viene avvicinato da una coppia di amanti, i quali gli raccontano la loro storia. Nel procedere della narrazione, Francesca pronuncia tre terzine ormai celeberrime:

Amor, ch’al cor gentil ratto s’apprende
prese costui de la bella persona
che mi fu tolta; e ’l modo ancor m’offende.                
Amor, ch’a nullo amato amar perdona,
mi prese del costui piacer sì forte,
che, come vedi, ancor non m’abbandona.                 

Amor condusse noi ad una morte:
Caina attende chi a vita ci spense.

(Dante Alighieri – Divina Commedia – Inferno V, 100-107

Magnum riprende queste terzine, scrivendo sul suo gelato:

Del salato fondente, dolce amore, mi prese quel piacer sì forte che come vedi ha il sapor di lampone.”

L’operazione di marketing (possiamo dire, riuscita) della casa produttrice di gelato è quella di associare al tema del piacere peccaminoso (la lussuria) presente nel V canto dell’Inferno, l’idea del piacere legato al gusto dell’assaggio del proprio gelato. È chiarissimo il richiamo al godimento eccezionale, quasi, appunto, ultraterreno, che si proverebbe nell’assaggiare questa limited edition. La stessa Magnum scrive sul proprio sito di lasciarsi andare alla tentazione e godersi questo gelato speciale!

Ma il sapore sarà davvero così straordinario?

L’assaggio

Al primo morso il primissimo gusto in cui ci si imbatte è il salato. Il cioccolato extra fondente dell’esterno perde subito la sua nota dolce in favore di quella salata. L’interno al carbone vegetale, vagamente vanigliato, invece, entra subito in contrasto con la parte salata dell’esterno, riproponendo al palato il dolce. Il cuore di lampone, non immediatamente presente sulla cima dello stecco, ma solo nel corpo del gelato, permette a questo cerchio di salato-dolce di continuare, portando il gusto verso vette sempre più particolari. Infine, quanto rimane dopo l’ultimo morso è il salato, non l’abituale dolce del cioccolato o della vaniglia, tipici gusti del Magnum Classico.

Insomma, questo è davvero un gelato al cioccolato dolce e un po’ salato! Quando è risultato dal test condotto è che si tratta di una combinazione di gusti molto particolare, certamente non tipica del gelato Magnum Classic e non ricercata tutti i giorni, per dirla in parole povere, per fare merenda. Il richiamo infernale secondo noi è azzeccato, un po’ per i colori di questa limited edition, ma soprattutto per il cerchio creato dall’accostamento dell’estremamente dolce (il lampone) con l’estremamente salato, ancorché amaro, del cioccolato extra fondente. Ognuno ti spinge a voler cercare l’altro per mitigarne il sapore: il troppo salato vuole il troppo dolce e così via, come in una sorta di nuovo girone del gusto.

(N.B.: il test è stato svolto da n. 5 persone di età compresa tra i 18 e i 60 anni)

magnum dante
Lo stecco Inferno dopo il morso – Magnum X Dante ©

Riflessioni finali: storia, gastronomia e letteratura

Andando sul sito della Magnum e cliccando la sezione Magnum x Dante, si legge subito l’accostamento del gelato all’opera d’arte del Sommo Poeta. È infatti spiegato come la Commedia sia una indiscussa opera d’arte e che è giusto celebrarla in ogni modo possibile. La Magnum propone questa celebrazione cercando di creare un gelato (anzi, tre tipi di gelato!) che possano essere anch’essi opere d’arte.

Che si sia d’accordo o meno, cioè che si pensi davvero che questo gelato sia un’opera d’arte, questa è un’opinione esclusivamente personale, quando in realtà è positivo è che un’azienda che apparentemente non c’entra nulla con la letteratura, abbia deciso di mettersi in gioco per creare un prodotto che faccia riferimento a un qualcosa di importantissimo nella cultura italiana.

La Divina Commedia è una pietra miliare della nostra cultura, un vero e proprio punto di riferimento e di partenza per molte cose (la lingua, la poesia, la teologia), fa parte della nostra cultura, è immanente al nostro essere e pensarci italiani. E il fatto che questo sia ricordato anche con un gelato è la dimostrazione che la letteratura non fa parte di un mondo chiuso, inclusivo, fine a se stesso, ma che può partecipare alla gastronomia, alla storia, al marketing più contemporaneo, ricordando a tutti il proprio valore e la bellezza dei propri versi anche (perché no!) con delle scritte sopra la confezione di un gelato al cioccolato!  

La scatola della Limited Edition Inferno – Magnum ©

Bibliografia

🏺 Dante Alighieri - Divina Commedia
💻 www.magnumicecream.com

Condividi l'articolo

a cura di

Silvia Gigliotti

Altri articoli

Editoriali SP.it

Iscriviti alla

Newsletter

Ultimi articoli