fbpx

Meleagro e Atalanta: il pluteo di S. Maria Capua Vetere

Protagonista di questo articolo è il curioso pluteo in marmo raffigurante la caccia di Meleagro e Atalanta, rinvenuto nell’Anfiteatro campano di S. Maria Capua Vetere e conservato al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, datato all’incirca al II secolo d.C.

Gladiatori in mostra al MANN

Aspettando la grande mostra del MANN dedicata ai Gladiatori, anche noi di StorieParallele vogliamo dare il nostro contributo per valorizzare digitalmente alcune delle opere che verranno esposte nel Museo a partire dal 31 marzo, data ufficiale dell’inaugurazione.

L’esposizione, nata tra la collaborazione dell’Antikenmuseum di Basilea insieme al Parco Archeologico del Colosseo, raccoglierà circa centosessanta opere nel Salone della Meridiana, disposte in un vivace percorso espositivo di sei sezioni che racconterà i gladiatori e le loro armi.

Il mito di Meleagro e Atalanta

Prima di entrare nello specifico del reperto, vogliamo ricordare brevemente la storia dei due personaggi, raccontata da Ovidio nel libro VIII delle Metamorfosi.

Eneo, padre di Meleagro e re di Calidonia, mentre faceva delle offerte agli dei dimenticò di libare Diana, protettrice della regione. Subito la dea furiosa punì il re mandando un enorme cinghiale a devastare l’intera regione. A questo punto per uccidere l’animale si misero a cacciare i più valenti giovani del regno, tra cui Atalanta, che per prima colpì l’orecchio del cinghiale. Questa era la bellissima ragazza amata da Meleagro che ricevette dal suo innamorato, come premio, la pelle e la testa della bestia morta.

Alcuni dei compagni del giovane principe si indispettirono per questo trattamento, decisero perciò di sottrarle con violenza il trofeo, facendo adirare il giovane Meleagro. Questi in un impeto d’ira uccise i suoi zii materni, Plessipo e Tosseo, fratelli della madre Altea.

Alla notizia dell’accaduto la madre, per vendicarsi gettò nel fuoco un prezioso ceppo di legno che teneva in vita il giovane figlio. Infatti, le Tre Parche avevano predetto che la sua vita non sarebbe durata più a lungo del tizzone che sarebbe bruciato in quel momento nel focolare. Fino a quel giorno Altea lo aveva conservato, cambiando idea dopo l’incresciosa morte dei fratelli.

pluteo meleagro
Il tizzone di Altea – Metamorfosi edizione illustrata da Johann Wilhelm Baur

Iconografia del mito

Il mito e la sua conseguente traduzione iconografica furono sempre apprezzati in tutte le epoche, in special modo nel Medioevo e nel Rinascimento. A raccontarcelo bene è Salvator Settis negli atti delle Giornate di studio in ricordo di Giovanni Previtali (“Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa”, 2000).

Egli prende in considerazione i sarcofagi antichi di Meleagro, a proposito del trasporto del corpo morto dell’eroe: in queste scene Meleagro è circondato da uomini e donne che piangono e si disperano, mentre nella figura dell’eroe si evidenzia un dettaglio, quello del braccio della morte, che pende verso terra a indicare un corpo senza vita, schema a cui la storia dell’arte riserverà un’accoglienza ancora più grande di quella della donna straziata dal dolore. Settis sintetizza la complessa trama che unisce questi sarcofagi antichi ad opere rinascimentali, in particolare al Trasporto di Cristo di Raffaello (Pala Baglioni) nella Galleria Borghese.

Di esempi di questa caccia ce ne sono molti: si possono trovare frammenti di bassorilievi di sarcofago a Palazzo Doria a Roma, oppure altri frammenti al Museo Nazionale di Atene, o ancora dipinti su vasi come il Cratere François a volutte attico del Museo Nazionale di Firenze, reperto archeologico molto noto ritrovato nel 1844, in una tomba etrusca a camera vicino a Chiusi.

pluteo meleagro
Raffaello – Deposizione del Cristo – Pala Baglioni – Galleria Borghese (Roma)

Il Mito a Pompei

Nella città campana furono ritrovati due affreschi raffiguranti lo stesso mito, indizio che la storia sopra citata era di gradimento ai romani, ormai completamente ellenizzati.

L’affresco della Casa del Centauro raffigura Meleagro seduto con due lance, mentre guarda Atalanta vestita di un leggero chitone armata di lance e faretra, indizio che la caccia si è conclusa da poco. Ai piedi del principe si trovano due cani, e a destra, quasi a trofeo, la testa del cinghiale appena ucciso. Lo sguardo della ragazza si posa però su due figure armate con spade sulla destra, probabilmente gli zii di Meleagro pronti a defraudarla del premio a lei riservato. La testa dell’animale posta in mezzo ai due gruppi sembra quindi anticipare quello che sarà la chiave di volta dell’intero episodio, che porterà alla conseguente morte del protagonista.

pluteo meleagro
Dettaglio dell’affresco della Casa del Centauro – Museo Archeologico Nazionale di Napoli ©

Il pluteo di Meleagro

Il nostro pluteo è iconograficamente più semplice: Meleagro ha in mano una lancia o un tizzone ardente pronto a caricare il cinghiale con l’aiuto del cagnolino e di Atalanta che, con il suo chitone mosso dal vento, è pronta a caricare l’arco e a colpire il grosso cinghiale alla destra del reperto, anch’esso pronto a sferrare l’attacco.

La scena denota una particolare attenzione all’energia e alla vitalità che corpi e panneggi suggeriscono. Dobbiamo ricordare che le scene di caccia erano momenti molto ricercati negli spettacoli gladiatori, anzi, vi erano proprie sezioni dedicate solo ed esclusivamente all’attività venatoria che piacevano molto anche agli imperatori, che si esibivano a bordo di bighe o direttamente dagli spalti, come le fonti ci tramandano.

pluteo meleagro
La caccia di Meleagro ed Atalanta – Pluteo in marmo – Museo Archeologico Nazionale di Napoli ©

Bibliografia

📖 F. Meijer, Un giorno al Colosseo. Il mondo dei gladiatori, Laterza, Roma-Bari 2004.
📖 Cieri Via C., L’arte delle metamorfosi. Decorazioni mitologiche nel Cinquecento, Lithos, Roma 2003.
📖 Hall J., Dizionario dei soggetti e dei simboli nell’arte, traduzione a cura di Archer M., Longanesi, Milano 1983.
💻 www.museoarcheologiconapoli.it
💻 www.pompeionline.net
💻 www.engramma.it
📷 Ringraziamo il Museo Archeologico Nazionale di Napoli per la concessione delle immagini

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

a cura di

Simone Bonaccorsi

Altri articoli

Civiltà Romana

Iscriviti alla

Newsletter

Ultimi articoli