Libum, la focaccia di 2000 anni fa

Nel II secolo a.C. Catone il Censore scrisse il suo De Agri Cultura, un manuale agronomico per dare consigli e suggerimenti sulla cura e la gestione di un tenuta agricola. In esso è contenuta la ricetta del Libum, una focaccia rituale da provare!

Di seguito le indicazioni in latino:
“Libum hoc modo facito: casei p. II bene disterat in mortario, ubi bene distriverit, farinae siligineae libram aut, si voles tenerium esse, selibram similaginis solum eodem indito permiscetoque cum caseo bene; ovum ununm addito et una permisceto bene. Inde panem facito, folia subdito, in foco caldo sub testu coquito leniter.”

Ovvero:
“Preparai il Libum in tal modo: si tritino bene nel mortaio due libbre di formaggio; quando le avrai tritate bene, vi verserai una libbra di farina di grano tenero o, se vorrai che sia più morbido, appena mezza libbra di semola, e mescolerai ben col formaggio. Aggiungerai un uovo e mescolerai bene il tutto. Con questo impasto farai una pagnotta, la poggerai su foglie di alloro e cuocerai col coppo lentamente.”

Il Libum può essere facilmente riprodotto nelle nostre cucine moderne. Di seguito riportiamo la ricetta.

Ingredienti

  • 400g di ricotta di Pecora;
  • 100g di Farina;
  • 1 uovo;
  • foglie di alloro q.b.

Preparazione
Porre in una ciotola la ricotta e ammorbidirla con una forchetta, aggiungere la farina e mescolare il tutto. Rompere l’uovo e amalgamarlo con il composto.
Formare  delle focaccine e porre sotto la foglia di alloro, posizionarle su una teglia con della carta da forno.
Preriscaldare il forno a 200°, inserire la teglia e cuocere per 25 minuti fino a doratura.
Servire calde.

Come abbinamento suggeriamo l’antico vino romano Aureum di Tabusso, azienda vinicola con la quale collaboriamo e che potrete trovare nella nostra sezione ArcheoProdotti con un’etichetta personalizzata StorieParallele: potrete stupire i vostri ospiti offrendo loro un aperitivo ispirato alla Storia Antica!

Bibliografia

📖 ArcheoVinum – TabussoVinum.it – Simone Tabusso

Ti è piaciuto l'articolo?

Share on facebook
Share on twitter
Share on email

vuoi approfondire l'argomento?

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE: